Con una mossa senza precedenti da parte del governo britannico, bevande energetiche come Red Bull e Monster saranno bandite dalla vendita ai bambini di età inferiore ai 16 anni. Il governo del Regno Unito si è impegnato a vietare la vendita di bevande energetiche a tutti i bambini di età inferiore ai 16 anni in seguito a pressioni esercitate da gruppi di pressione e celebrità.

 

Il segretario alla salute britannico, Matt Hancock, ha annunciato il divieto di limiti di età per le bevande ad alto contenuto di caffeina e zucchero, come Monster, Red Bull e Lucozade.

 

L'annuncio segue una consultazione completa da parte del Dipartimento della salute del Regno Unito su come le bevande energetiche stanno danneggiando la salute dei bambini, provocando mal di testa, iperattività e obesità.

 

Discussione sul drink energetico

 

Una lettera scritta da Hancock ai suoi colleghi ministri ha rivelato i suoi piani per agire sulla crisi delle bevande energetiche nel Regno Unito.

 

"A seguito di un alto livello di interesse nella consultazione, abbiamo in programma di annunciare che finiremo la vendita di bevande energetiche ai bambini di età inferiore ai 16 anni", ha scritto Hancock.

 

Ha affermato che stava "adottando un approccio precauzionale per mitigare i potenziali effetti negativi associati al loro consumo eccessivo da parte dei bambini".

 

Hancock ha originariamente twittato che il suo dipartimento aveva avviato una consultazione ad agosto dello scorso anno , invitando i membri del pubblico a presentare le loro opinioni sul suo "Piano per l'obesità infantile".

 

Al momento del lancio della consultazione, Hancock ha affermato che vi era un "bisogno vitale di affrontare l'obesità infantile" concentrando gli sforzi del governo sulla vendita di bevande zuccherate come Red Bull e Monster. "La nostra consultazione sulla cessazione della vendita di bevande energetiche ai bambini è un passo importante verso questo", ha scritto. Se le aziende di vendita e produzione hanno quindi intenzione di installare magento per programmi e siti e-commerce, meglio aspettare. Stessa cosa vale per installare prestashop.

 

Il sostegno dello chef Oliver

 

La mossa è stata fortemente sostenuta dal famoso chef Jamie Oliver, che ha descritto la prima consultazione di Mr Hancock come "una buona notizia" nello sforzo di affrontare l'epidemia di obesità che sta investendo il Regno Unito.

Oliver ha trascorso più di tre anni a fare campagne per i bambini a cui è stato vietato l'acquisto di bevande energetiche in tutto il mondo.

 

La sua campagna #NotForChildren ha acquisito uno slancio importante negli anni successivi e gli ha persino permesso di sedersi con i parlamentari in vari modi per frenare l'accesso dei bambini alle bevande energetiche, cosa che nuoce al loro sonno, dieta e apprendimento.

 

"Abbiamo sentito da insegnanti, genitori e bambini su come questo problema sia diffuso, con gli insegnanti che condividono storie dell'orrore! Per questo si deve provare a dirigere un'aula che non utilizza bevande energetiche così da rendere più facile l'apprendimento” ha detto Oliver.